Tu condividi o riservi?

Tu condividi o riservi?

Mi è capitato di parlare con il responsabile marketing di una grande azienda che ha centinaia di venditori, a proposito di Compromeglio.com

La sua prima reazione è stata: “in questo modo i migliori venditori diventano visibili a tutti!”

“Certo! e vale per tutti i settori e tutte le aziende!” Negli obiettivi di Compromeglio questo è il vero valore di un social che si pone come migliorativo del settore delle vendite e dei venditori in particolare: la CONDIVISIONE.

Per Riccardo Scandellari e Rudy BandieraCONDIVIDE ET IMPERA” è diventato il mantra del lavoro e delle loro attività.

Per Compromeglio è la finalità principale per dare forza e credibilità ad un settore, a professionisti che interpretano con passione il loro lavoro.

Un venditore cosa deve quindi fare per migliorare i suoi contatti e le sue relazioni?

Condividere, condividere, condividere!

Nuovi prodotti, nuove soluzioni vanno sempre presentate ai propri clienti, secondo logica: non tutto a tutti (basta fotocopiatrici in cui tutti presentano indistintamente le stesse cose), ma con razio e scelta dei target adatti.

Come già scritto nel presentare il Venditore 2.0, il web ed i social diventano uno strumento utile e insostituibile per creare una community di clienti interessati alle proposte di vendita, e ottenere quindi nuovi incontri, nuovi appuntamenti, nuovi clienti, nuovi contratti.

La condivisione non deve riguardare solo i propri prodotti, ma anche le tendenze del settore, curiosità e nuovi trend, un occhio al mercato internazionale, tutto ciò che possa portare attenzione alla propria immagine di venditore in modo da accrescere il proprio “Brand Personale”.

Rifletti ora e considera:

  • Condividi o riservi?
  • Temi che qualcuno possa appropriarsi di una tua idea e farla propria? Non resterà comunque tua?
  • Ti appropri di altre idee, magari di altri settori, per migliorare la tua professionalità?

Ricorda: Il cliente compra te, non il tuo prodotto! Iscriviti su Compromeglio.com e inizia a fare la differenza.

Advertisements