Il tuo prodotto è nell’Oceano Blu?

Nell'Oceano Blu con ComproMeglio

Se il prodotto che proponi è nell’oceano rosso, hai un grosso problema, ma te ne sarai reso conto anche tu sicuramente.

Vendere è sempre più difficile, i margini si sono abbassati, la concorrenza è sempre presente, convincere i clienti a scegliere il tuo prodotto richiede sempre più sforzi, e se in passato il tuo prodotto era nell’oceano blu rimpiangi tempi in cui queste difficoltà non esistevano.

Hai mai sentito parlare del libro “Strategia oceano blu”?

Se non lo conosci, ti riporto la presentazione estratta da Wikipedia:

La strategia Oceano Blu (Blue Ocean Strategy), è un libro pubblicato nel 2005 e scritto da W. Chan Kim e Renée Mauborgne. Basato su uno studio di 150 mosse strategiche, si espande su più di cento anni e trenta settori, Kim & Mauborgne affermano che le compagnie possono avere successo non battendo i rivali, ma piuttosto creando “oceani blu” negli spazi di mercato inesplorati. Attraverso queste mosse strategiche, si crea un salto di qualità nel valore dell’impresa, nei suoi clienti e nei dipendenti, mentre si sblocca nuova domanda e si riduce la competizione a qualcosa di irrilevante. Il libro presenta frameworks analitici e strumenti per sfruttare le abilità dell’azienda a creare e intercettare sistematicamente oceani blu.

Ciò che propongono gli autori, sono la costante creazione dei cosiddetti “oceani blu, nicchie o interi settori in cui la competizione non esiste o è nettamente inferiore rispetto al mercato degli “oceani rossi”.

Per fare un esempio concreto, oggi vendere telefonia significa stare nell’oceano rosso, dove la competizione è agguerrita, ci sono tanti competitor, la tariffa diventa spesso predominante rispetto ad un servizio ormai diventato commodity.

Cosa è una “commodity”? Un bene su cui la differenza di servizio è minimale, e l’utilizzo costante, come petrolio, energia e altri a cui starai pensando.

A questo punto penserai che non sei tu a poter spostare il prodotto che proponi, soprattutto se non è di tua produzione, dall’oceano rosso al blu; in parte è vero e se vendi ad esempio energia quella è per tutti. Non mi risulta esista l’energia più veloce o più luminescente da un fornitore ad altro…

Ci sono però servizi accessori e ci sei soprattutto TU, la tua professionalità, la tua competenza e capacità a far sì che il tuo prodotto possa diventare unico per il cliente.

Non lasciare il tuo servizio nell’oceano rosso insieme a tutti gli altri, differenzialo e portalo sempre in evidenza in maniera distintiva, perché come amiamo ricordare:

 Il cliente sceglie te non il tuo prodotto

Crea nuovi punti di vista rispetto alle esigenze del singolo cliente, adattando di volta in volta la soluzione; pensa a come la scelta del tuo prodotto sia utile al business del cliente, a migliorare o a far rendere maggiormente la sua attività.

Rifletti ora e considera:

  • La tua presentazione ad un cliente prende in considerazione il beneficio che porterai al suo business?
  • Sai indagare le necessità del tuo cliente e non parlare solo di risparmio?
  • Ora prova a vedere come il tuo prodotto potrà stare nell’oceano blu e fai in modo di trovarlo sempre anche in futuro.

Ricorda: Il cliente compra te, non il tuo prodotto! Iscriviti su Compromeglio.com e inizia a fare la differenza.

Vuoi approfondire questi aspetti?

Advertisements

Un pensiero su “Il tuo prodotto è nell’Oceano Blu?

  1. Pingback: Starbucks in Italia: sacrilegio o opportunità? Vi spiego perché sarà un successo! | Pausa con ComproMeglio

I commenti sono chiusi.